Workshop - Programma

Contattaci per richiedere l'iscrizione ai workshop

patti stiles

patti stiles

BUILDING BLOCKS OF SCENE WORK

In qualità di attori di improvvisazione siamo degli storytellers. Che si tratti di un game, di una short form o di una long form ogni volta che entriamo in scena il pubblico inizia a collegare le varie informazioni. In questa situazione a volte la paura ci assale e ci mettiamo a spingere alla ricerca di qualcosa di interessante invece di essere in sintonia con quanto è già presente, imparando ad alimentarlo e svilupparlo. Questo laboratorio si concentra sull’aspetto fondamentale di una scena: la piattaforma, e le diverse maniere interne in cui possiamo scoprire, ispirare e sviluppare questo elemento per noi stessi e per i nostri compagni.


Patti sarà nei percorsi:

brett elam

brett elam

BEAUTIFUL SCENE WORK

In questo laboratorio sperimenteremo un approccio completamente nuovo all’arte di lavorare sulle scene attraverso la scoperta di scelte emotive e fisiche. Impareremo come smettere di “inventare” umorismo e cercheremo al contrario di scoprirlo attraverso vere emozioni umane. Nell’improvvisazione, sforzarsi è inutile e per questoi Impareremo come utilizzare senza fatica la vulnerabilità e le emozioni per scoprire le reali connessioni umane.


Brett sarà nei percorsi:

ruth bratt

ruth bratt

A SERIOUS PLAY

Scordiamoci delle regole, dei format e delle cose da non fare. In questo laboratorio esploreremo cosa possiamo fare nel momento in cui abbandoniamo ciò che abbiamo imparato per provare semplicemente a risponderci l’un l’altro attraverso le emozioni. Trovando i personaggi, le situazioni e la trama attraverso l’ascolto, le reazioni e la connessione a livello emotivo. Se riusciamo a eliminare il bisogno di inventare, l’invenzione apparirà senza bisogno di provare. Giochiamo seriamente. E in maniera divertente perché le cose serie lo sono. Occupiamoci della messa in scena e di creare interessanti immagini di scena per vedere dove ci portano. Esploriamo insieme e imparando l’uno dall’altro.


Ruth sarà nei percorsi:

tom salinsky

tom salinsky

BEING GOOD TO WORK WITH, WHAT DOES IT REALLY MEAN?

Cosa vuol dire essere un buon improvvisatore?

Gli attori di improvvisazione di tutto il mondo si allenano per evitare i blocchi, dire “sì, e...” ed essere dei buoni compagni di scena per i propri partner. Ma capire cosa significhi “essere un buon compagno di scena” può essere sul momento molto difficile da identificare. In questo laboratorio vedremo cosa significhi realmente il raggiungimento di questo obiettivo e di come tale processo possa renderti un improvvisatore più giocoso, libero e creativo.


Tom sarà nei percorsi:

jun imai

jun imai

improv & zen

L’improvvisazione e lo zen, nella visione di Keith Johnstone, hanno molto in comune. Esploreremo il “qui e ora”, cercando la piena presenza in ogni singolo momento. Proveremo ad abbandonare i concetti di successo, fallimento, buono, cattivo, giusto, sbagliato; per permettere al nostro primo impulso di svilupparsi senza blocchi, allineando corpo, cuore e mente e entrando in una connessione profonda con noi stessi, gli altri e il mondo.


Jun sarà nei percorsi:

percorso rosso

Teatro Abarico - Via dei Sabelli 116

2 marzo: BUILDING BLOCKS OF SCENE WORK

patti stiles

3 marzo: A SERIOUS PLAY

ruth bratt

4 marzo: BEAUTIFUL SCENE WORK

brett elam

percorso verde

Mandala Soriano - Via dei Piceni, 27

2 marzo: BEAUTIFUL SCENE WORK

brett elam

3 marzo: BEING GOOD TO WORK WITH, WHAT DOES IT REALLY MEAN?

tom salinsky

4 marzo: BUILDING BLOCKS OF SCENE WORK

patti stiles

percorso blu

La scatola dell'arte - Via dei Latini, 28.

2 marzo: A SERIOUS PLAY

ruth bratt

3 marzo: BEAUTIFUL SCENE WORK

brett elam

4 marzo: BEING GOOD TO WORK WITH, WHAT DOES IT REALLY MEAN?

tom salinsky

percorso giallo

La scatola dell'arte - Via dei Latini, 28.

2 marzo: -

-

3 marzo: improv & zen

jun imai

4 marzo: improv & zen

jun imai

Orari workshop: 10.00 - 13.00 / 14.00 - 17.00